Proseguono le riflessioni di Konstantin Daragan, astrologo russo molto noto nel suo Paese, nel sito www.astrology-online.ru. sui “miti” dell’astrologia.

Le previsioni di un buon astrologo su una carta natale dovrebbero essere fatali: questo mito è una conseguenza dello sviluppo dell’astrologia nell’era dell’antica Roma, con la sua filosofia dominante dello stoicismo e nel Medioevo, con il tipico dogmatismo e neo-tomismo. La stessa astrologia tibetana e buddista, così come tutta la moderna Europa classica, si basano su una base filosofica completamente diversa. In particolare, sull’idea che una persona possa prendere decisioni e agire guidata dal libero arbitrio. E questo impone significativi aggiustamenti alla prognostica delle carte natali. È degno di nota che lo sapessero anche gli straordinari astrologi praticanti del passato. Quindi, ad esempio, Bonatti afferma che le carte nascita non mostrano sempre la realtà, a differenza delle carte orarie, che sono simili agli appelli dopo la condanna (“la domanda dopo la natività è come un appello dopo una frase”).

I miti dell’astrologia “professionale” /11
Tag: